CHI SONO

Federica Bertoni, Informatico Forense e prima donna in Italia a essersi certificata CIFI (Certified Information Forensics Investigator) e all’epoca unica, fra i candidati in Italia, ad aver superato l’esame col massimo del punteggio (125/125), è fondatrice e titolare di Brixia Forensics.

Laureata in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Brescia, con una tesi in Informatica Giuridica incentrata sugli aspetti di sicurezza informatica e giuridici del binomio “phishing-privacy”, Federica Bertoni è stata Conciliatore presso il Servizio di Conciliazione e Arbitrato della Camera di Commercio di Brescia, in controversie in materia di ICT.

Consulente Tecnico e Perito iscritta ad entrambi gli Albi del Tribunale Ordinario di Brescia, svolge attività di CTP per studi legali e aziende e da circa quattro anni a questa parte è stata coinvolta in alcune attività di studio e di ricerca, cui vi si dedica con grande passione, collaborando con le Cattedre d’Informatica Giuridica delle Facoltà di Giurisprudenza delle Università degli Studi di Milano e Brescia. Ha fatto parte del Comitato Scientifico di CLUSIT, l’Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica, dal 2018 al 2021.

È Affiliate Scholar e Fellow Researcher del Centro di Ricerca Information Society Law Center dell’Università degli Studi di Milano diretto dal professor Giovanni Ziccardi.

Federica Bertoni si occupa in maniera professionale di cybercrime dal 2000.  È autrice o coautrice di diverse pubblicazioni in materia di Sicurezza Informatica, Diritto dell’Informatica e delle Nuove Tecnologie e Digital Forensics.

È autrice del paper “Deepfake, ovvero Manipola et impera. Un’analisi sulle cause, gli effetti e gli strumenti per la sicurezza nazionale, nell’ambito dell’utilizzo malevolo dell’intelligenza artificiale ai fini di disinformazione e propaganda”, CIBERSPAZIO E DIRITTO, STEM Mucchi Editore, vol. 20 n. 62 (1-2 – 2019), p. 12-28.

Attualmente sta redigendo una monografia scientifica sul voto elettronico, per la collana “Informatica Giuridica” edita da Giuffrè Lefebvre e diretta da Giovanni Ziccardi e Pierluigi Perri.